Mela: un supercibo con una signora buccia

mele-biologiche

La mela è un supercibo da riscoprire. A patto che se ne mangi (e mastichi) anche la buccia, dove risiede la maggior parte dei componenti nutrizionali. 

Quando si parla di nutrizione, forse vittime del marketing – e anche del diffuso costume nazionale di svalorizzare tutto ciò che è di casa nostra – ci lasciamo facilmente affascinare da sfavillanti trend esotici. Bacche di goji himalayane? Polvere di acai dal Brasile? Lucuma peruviana? Dimenticando come anche la nostra terra ci offra veri e propri supercibi, con status nutrizionale da VIPs. Forse ci sentiamo più cool quando tiriamo fuori una barretta energetica dopo la lezione di pilates, mentre ci faremmo un grosso favore addentando una semplice e meravigliosa… mela.

Se fosse un integratore o un medicinale, la mela potrebbe tranquillamente venir etichettata come antietà, dimagrante, disintossicante, antinfiammatoria e chi più ne ha più ne metta. Inoltrandosi in territorio scientifico alla ricerca di supporti al detto “una mela al giorno…”, si trova infatti una quantità imponente di indagini a riguardo. Per esempio uno studio dell’Agenzia USA per la salute prova l’effetto protettivo delle mele per i tumori al colon-retto. In questo altro report scientifico americano si può accedere a un catalogo di pubblicazioni che ne hanno dimostrato l’efficacia per la salute dell’apparato cardio-circolatorio e nei casi di asma o problemi respiratori. Non male, per l’umile mela!

Ci sentiamo ‘cool’ quando tiriamo fuori una barretta energetica dopo la lezione di pilates, mentre ci faremmo un grosso favore mangiando una semplice… mela.
Le mele sono una fonte eccellente di vitamina C, pectina e altre fibre indispensabili per un buon funzionamento dell’intestino (e di conseguenza dei processi di eliminazione delle tossine), ma anche di potassio, così come di potenti bioflavonoidi antinfiammatori come la quercetina.

Attenzione però! Se sbucciate le vostre mele (per abitudine o per necessità, se le comprate non biologiche), buttate nella pattumiera gran parte dei benefici. La maggior parte delle componenti nutrizionali delle mele sono infatti nella buccia!

Per darvi un’idea: il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha calcolato che una mela intera fornisce circa 4.4 milligrammi di quercetina per ogni 100 grammi di mela. Una mela di 150 grammi quindi ne contiene circa 10 milligrammi… ma una mela sbucciata ne contiene meno della metà. E un succo di mela? È stato stimato ne contenga meno di un decimo. Chiaro, no?

Attenzione però: mai consumare la pelle di mele non biologiche. Se volete saperne di più vi rimando all’imperdibile approfondimento di Antonella.

mela-cavolonero-zenzero-limone
Bouquet di stagione. Se vi attira l’idea di combinare tutto in uno smoothie, ne ho pubblicato qui la ricetta.

Trovo particolarmente affascinante il fatto che una mela sviluppi naturalmente una “ceratura” che l’aiuta ad attraversare indenne le avversità della vita: non è forse quello che facciamo anche noi? Una mela deve difendersi da vento e pioggia; noi da virus, inquinamento e fidanzati/e che spezzano il cuore. La mela produce pruina, noi la chiamiamo “pellaccia dura”… Mai sottovalutare le interconnessioni con la natura.

È però fondamentale masticare bene una mela non sbucciata: la buccia, così benefica e ricca di nutrienti, è senz’altro più difficile da digerire… Questi benefici bisogna guadagnarseli, insomma! Una mela non sbucciata (così come qualsiasi altro cibo, tenetelo sempre a mente) deve essere innanzitutto ridotta in poltiglia in bocca – ricordatevi sempre che lo stomaco non ha denti – ed è sempre bene consumare la frutta lontano dai pasti per evitare sgradevoli fermentazioni e conseguenti problemi digestivi.

– – –

Susanna Villa
Consulente di nutrizione naturopatica, coordinatore regionale della British Association of Nutritional Therapists
Consulenze personalizzate nelle province di Piacenza, Parma e Cremona o via Skype
Servono idee in cucina? Seguimi su FB, su Instagram, sul mio blog di cucina naturale

Entrambe le foto sono scatti originali di © Susanna Villa.

di

La nutrizione naturopatica è il mio lavoro, cambiare il mondo un pasto alla volta è la mia vocazione. Ho vissuto a Londra per tanti anni, ora sono in un paesino minuscolo sperso nella Pianura Padana – Vie di mezzo? Mai.

3 commenti

  1. E’ un piacere per noi, che abbiamo voluto basare gran parte della nostra attività su questo frutto prezioso (bio), trovare ogni tanto articoli di questo tipo.
    Susanna, saremmo lieti di ospitare un tuo articolo sul nostro sito o sui nostri canali social.
    Alpenpur

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *