Mercati contadini: Cremona – Il cibo delle stagioni

Un mercato mensile che condensa il meglio della produzione agricola e artigianale del territorio cremonese e limitrofo

[Aggiornamento a fine gennaio 2017: l’appuntamento per ora è sospeso]

Dopo l’esperienza positiva, nel 2014, del mercato contadino “Nutrire Cremona”, che si svolgeva nell’elegante cornice neoclassica dei porticati di Palazzo Cattaneo, continua la collaborazione tra Slow Food Cremonese e la cooperativa sociale per il commercio equo e solidale Non solo noi. Si conferma la missione degli organizzatori di realizzare un programma di lungo periodo che si proponga di

valorizzare le eccellenze del territorio, ma anche e soprattutto di ragionare su modelli alternativi all’attuale sistema alimentare mondiale, portatore di forti criticità: perdita di fertilità e consumo dei suoli, eccessivo impiego d’acqua, scarsa remunerazione dei prodotto agricoli alla produzione, perdita di biodiversità, spreco alimentare.

Con le parole di Francesca Bignelli, presidente della cooperativa Non solo noi:

Il nostro intento è dare impulso all’economia locale e alla vita sociale della comunità valorizzando cibi e vini buoni per il palato, puliti per l’ambiente e giusti per la società; spiegando l’importanza di una equa retribuzione del lavoro agricolo e artigiano; offrendo spazi per i più giovani e per l’educazione del gusto.

 

10325153_10152448609590449_1668026853079341443_n

Mercato ‘Il cibo delle stagioni’

A cura di Slow Food Cremona e Non solo noi
Dove Si alterna tra piazza Roma e piazza Stradivari
Quando Una domenica al mese secondo un calendario consultabile qui

Foto: © Slow Food Cremona, portici di Palazzo Cattaneo.

di

Mi piace mettere in contatto persone, talenti e territori. Credo poco nella verità, molto nelle interpretazioni. Aborro i supermercati e i veleni, soprattutto quelli invisibili. Da anni mi documento, frequento produttori e mercati contadini, tempesto tutti di domande, poi assaggio con il palato e verifico con lo stomaco. Mi piace chi parla chiaro e con trasparenza, chi era già biologico prima del trend e chi lo diventa perché ci crede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *