Az. Agricola Biologica Le Vigne

Toscana»Grosseto»Val d’Orcia grossetana
Dove siamoPodere Le Vigne, Montenero d’Orcia
58033 Castel del piano (Grosseto)
  • Profilo

    Vini rossi toscani fermi, biologici:

    • ‘Fontecuoia’ Montecucco Sangiovese Riserva DOCG, il vino rosso più importante, affinato in legno
    • Le vigne Montecucco Rosso DOC, un vino rosso adatto a tutto pasto
    • Le vigne Maremma Toscana Vermentino DOC, vino bianco
    • Le vigne Maremma Toscana Sangiovese Rosato DOC, un interessantissimo rosato da uve sangiovese.

    A volte vini da monovitigni da annate eccezionali, piccoli quantitativi, es. Ciliegiolo, Petit Verdot.

    Olio extra vergine di oliva biologico.

    Farine di grano tenero Gentil Rosso, di grani teneri misti, di grano duro Senatore Cappelli e di farro.

    Pasta, pici di farro e di grano senatore cappelli.

    Cooperativa agricola?

    Genoma?

  • Più Info
     Indirizzo Podere Le Vigne, Montenero d’Orcia
    58033 Castel del piano (Grosseto)
    Toscana
    Habitat Collina
    Tipologia
    • Produttore
    • Trasformatore
    Tipo di realtà e servizi
    • Olivicoltore
    • Viticoltore
    • Cantina vitivinicola
    • Filiera cerealicola
    Metodo di produzione Biologico certificato
    Certificazioni e garanzie

    Siamo certificati con BioAgriCert, ente molto serio e scrupoloso da cui riceviamo periodicamente controlli, a campione e a sorpresa, sul prodotto e in campo.
    Siamo in attesa della certificazione Vegan.

    Prodotti in vendita
    • Legumi
    • Semi oleosi
    • Olio extravergine di oliva
    • Cereali
    • Grano tenero
    • Grano duro
    • Farro
    • Miglio
    • Farine
    • Pasta
    • Vino rosso
    • Vino rosé
    • Vino bianco
    Altri prodotti e specificità Farro decorticato in chicchi, farina di farro. Farina di grano duro senatore cappelli, farina di grani teneri e di gentilrosso di tipo 1, 2 e integrale. Pasta di grano duro cappelli e di farro. Cece piccino, lenticchie della Val d’Orcia. Semi di lino.
    Note particolari

    Siamo nella Val d’Orcia grossetana, la parte più intatta e meno conosciuta di questa valle meravigliosa, al cospetto del Monte Amiata e al confine con la Maremma.

    Menzione di Considerovalore

    Dove e come comprare

    Spaccio aziendale Siamo sempre qui (!), ma riceviamo preferibilmente su appuntamento. Organizziamo degustazioni, anche in inglese e francese.
    Servizi speciali e supplementari
    • Consegna a domicilio
    • Spedizione con corriere
    • Vendita ai GAS
    Mercati contadini

    Per ora frequentiamo occasionalmente fiere e sagre stagionali della zona. Con la nuova stagione, e in prospettiva sempre di più, saremo presenti in alcuni mercati contadini locali, per incontrare persone nuove e farci conoscere anche al di là dei nostri clienti abituali.

    Dove trovarci online

    Prodotti ed eccellenze

    Olio extravergine di oliva biologico
    Siamo nati con gli uliveti, che abbiamo sempre coltivato con il metodo tradizionale, raccogliendo le olive a mano e meccanicamente, per poi frangerle in un frantoio di fiducia, vicino a noi. Produciamo 4 olii extravergine di oliva monovarietali, rispettivamente da olive leccino, olivastra seggianese, moraiolo e correggiolo, e il nostro blend 'Le Vigne'.

    Vino toscano biologico
    Produciamo vini fermi, da vitigni tipici del territorio:
    • ‘Fontecuoia’ Montecucco Sangiovese Riserva DOCG, il vino rosso più importante, affinato in legno
    • Le vigne Montecucco Rosso DOC, un vino rosso adatto a tutto pasto
    • Le vigne Vermentino Maremma Toscana DOC, vino bianco
    • Le vigne Sangiovese Rosato Maremma Toscana DOC, un interessantissimo rosato da uve sangiovese.

    Vendiamo il vino sia sfuso sia imbottigliato, nell’ordine delle 7 o 8mila bottiglie, a seconda delle annate. In caso di vendemmie eccezionali, vinifichiamo piccoli quantitativi da monovitigni, es. Ciliegiolo, Petit Verdot.

    Cereali, farine, pasta biologici
    La nostra è sempre stata un'azienda di seminativi. Oggi coltiviamo solo grani antichi e tradizionali, di cui curiamo l’intera filiera: grano tenero gentilrosso, grano duro Senatore Cappelli e farro. Dai cereali ricaviamo farina di tipo 1, 2 e integrale, macinata lentamente a pietra in un piccolo mulino del territorio. La lentezza è sinonimo di ‘lavorazione a freddo’; muovendosi a bassa velocità, le mole non surriscaldano il chicco, che mantiene così tutte le proprietà organolettiche: fibre, vitamine e sali minerali. Inoltre si preserva il germe, che è la parte più pregiata.

    Con il farro e il grano cappelli facciamo anche pasta: tagliatelle, fusilli, gigli e pici. È una pasta altamente digeribile e a basso tenore di glutine, che viene ottenuta con un procedimento artigianale, a lenta essiccazione e trafilatura al bronzo. Anche qui le sostanze nutritive restano intatte.

    Vendiamo anche farro decorticato in chicchi. Ci stiamo inoltre cimentando con il miglio, anche se la distruzione per il secondo anno consecutivo da parte dei cinghiali – nonostante le recinzioni – ci ha un po' scoraggiato.

    Legumi biologici
    Lenticchie e cece piccino, varietà antica toscana dalla buccia sottile, molto digeribile. Prima di essere confezionati, i legumi subiscono un passaggio intermedio di vagliatura con un lettore ottico, che scongiura la presenza di corpi estranei, che potrebbero restare intrappolati durante la trebbiatura (le piante sono piccole e i nostri terreni pendenti e sassosi).

    Altri prodotti
    Da gennaio 2019 avremo in vendita anche i semi di lino.

    Filosofia e metodo

    Il nostro è un biologico autentico, che perseguiamo da molto prima dell’avvento delle certificazioni e della voga del bio. Rappresenta per noi una scelta di vita, prima che un orientamento produttivo: è un’azione che riflette chi siamo.

    Siamo sempre stati contrari all’uso dei concimi chimici e dei pesticidi, favorevoli alla rotazione delle colture. Scegliamo varietà tradizionali autoctone, ben adattate, di bassa resa ma di altissime proprietà organolettiche. Facciamo tutto grazie alle rotazioni e non usiamo concimi di alcun tipo, neanche quelli ammessi dal bio.

    In casa le nostre caldaie sono a biomassa, alimentate a cippato. Tutto il nostro stile di vita è orientato al reimpiego e all‘ecosostenibilità.

    Chi siamo e cosa facciamo

    Siamo Chiara e Andrea, viviamo alle Vigne con i nostri due figli, che sono cresciuti qui con noi.

    Andrea si occupa della parte agricola, di tutto il lavoro in campo e in cantina. Io mi occupo della burocrazia, della parte commerciale, delle degustazioni, delle relazioni con i clienti privati – tutto il resto insomma.

    La nostra storia e i nostri perché

    [Chiara] In origine l’azienda era dei miei genitori; allora si chiamava Poggio Valente, un nome che oggi mi sembra augurale e bellissimo. Il mio babbo, con cui avevo un rapporto di amore immenso, morì nel ’90, quando io ero all’ultimo anno di liceo. L’azienda rimase per poco in capo a mia madre. Poi Andrea ed io, sposini e senza alcun titolo o esperienza agricola (io avevo fatto il liceo linguistico, lui si occupava della manutenzione di apparecchiature industriali), decidemmo di rilevare la gestione e di buttarci a capofitto in questa avventura. Era il ’91/’92, davvero un secolo fa: noi, ventenni, catapultati in questa realtà di cui allora non sapevamo nulla e di cui poi ci siamo innamorati.

    Quando iniziammo non avevamo idea. Tutti gli errori che abbiamo fatto sono il nostro know-how di oggi. Ci siamo costruiti grazie all’esperienza ‘sul campo’ (mai termine più appropriato!), e al desiderio, sempre vivissimo in noi, di sperimentare un’agricoltura innovativa e rispettosa dell’ambiente. Nel tempo abbiamo guadagnato fiducia e sicurezza in noi stessi, anche se all’inizio fu dura.

    Trattamenti, prodotti chimici e concimazioni esasperate non ci sono mai piaciuti. Nel ’90 fummo tra i primi, negli uliveti, a usare le trappole con i feromoni. Anche la nostra olivicoltura è sempre stata tradizionale e lo è tuttora: tutti quegli ulivi messi in croce dall’agricoltura meccanizzata non si possono vedere.

    Il vigneto è stato il primo che abbiamo messo in conversione, dopodiché abbiamo coinvolto anche i seminativi e gli uliveti. La nostra era un’azienda piuttosto grande, dunque siamo andati per gradi. È stato un percorso impegnativo, ma molto bello: una continua scoperta e conferma nello stesso tempo. Per esempio abbiamo affinato ulteriormente la tecnica delle rotazioni, che già praticavamo. La certificazione ha dato conferma e soddisfazione ai nostri sforzi.

    Cosa ci piace e curiosità

    [Chiara] Mi piace impastare, panificare, cucinare, poi stare a tavola e condividere il risultato di tanti sforzi. Nel cassetto abbiamo il sogno di allestire un servizio di ristorazione agricola, che porti le nostre idee dal campo alla tavola e chiuda il cerchio con l’alimentazione. Non siamo abituati a pensarci, ma anche da un semplice chicco di grano si possono ottenere cose molto diverse, in grado di incidere sulla nostra salute e sulla qualità delle nostre vite.

    Sia io, sia mio marito Andrea amiamo viaggiare, conoscere altre civiltà e altri luoghi; in particolare, io sarei sempre con la valigia in mano :-) Viaggiare è il nostro unico modo di evadere, dato che, con questo lavoro, le ferie sono un’utopia. Come tanti altri produttori biologici, vendiamo la maggior parte del nostro olio e del nostro vino all’estero, dunque ci capita di essere spesso in giro per l’Asia e gli Stati Uniti. Ne approfittiamo: visitare grandi città e fare bagni di folla è una specie di terapia d'urto rispetto alla nostra solita vita, faticosa e pure bellissima. Qui è dove vogliamo sempre tornare.

    Parliamo tre lingue – inglese, francese e italiano con uno spiccato accento tosco-maremmano –, siamo aperti al mondo e riceviamo volentieri. Il nostro parcheggio è ampio e adatto ai camper, che ci fa piacere ospitare; in futuro prevediamo di allestirlo con gli opportuni allacci, per farne un’area attrezzata.

    Perché comprare da noi

    [Andrea] Mi è toccato il paragrafo più difficile... Comunque provo a elencare tutti i motivi, del resto sono io il mio primo consumatore :-)

    Il nostro è un biologico sincero, che nasce sulla nostra pelle. Siamo partiti quando il trend di mercato non era ancora orientato al bio; ora vedere che tutti si convertono per i contributi o perché si vende meglio, ci fa un po’ effetto. Come ha già detto Chiara, per noi è una scelta di vita, come persone e come agricoltori: non vogliamo né avvelenare, né avvelenarci. La salute nostra e dell’ambiente è la priorità – anche se, certo, comporta molto più lavoro.

    Il nostro obiettivo è portare sulle tavole delle persone prodotti sani e nello stesso tempo buoni. Produrre cibo è una responsabilità enorme. Ce ne siamo accorti imbottigliando l’olio: un pezzo di noi finiva nelle case, accompagnava i nostri clienti tutti i giorni. È una missione in cui crediamo molto e a cui non vogliamo sottrarci.

    I nostri prezzi sono equi. Certo, se ci paragoni al supermercato, costiamo di più, è ovvio. Il nostro però è un processo davvero artigianale (un termine che oggi viene applicato in modo un po’ indiscriminato). Ci mettiamo sempre dalla parte di chi compra, vogliamo che il patto con i nostri acquirenti sia giusto e reciprocamente sostenibile. Diciamo che stiamo nella fascia di mezzo, tra la grande distribuzione e le boutique del cibo, il cui marketing élitario non ci interessa.

    Per esempio, una scelta che abbiamo fatto in questa direzione è vendere prodotti ‘nobili’ in contenitori sfusi, rispettivamente l’olio nella latta da 5 lt e il vino nella Bag-in-Box da 5, 10 o 20 lt. Si tratta solo di superare quel briciolo di diffidenza (parlo in particolare del vino, ma posso assicurare che il prodotto non si altera e si conserva benissimo, anzi meglio, perché la valvola di apertura lo preserva dall’ossigeno); per il resto sono solo vantaggi e senz’altro si risparmia. Anche la spedizione è più praticabile.

    La nostra parte di Val d’Orcia, nel grossetano, è un’area rurale ancora molto tradizionale. A noi però, da sempre, piace fare scelte dinamiche, aperte, che guardano oltre. Senz’altro non è nostra indole lamentarci, né attendere soluzioni dall’alto (da questo punto di vista il nostro territorio, pur bellissimo, è molto meno sostenuto rispetto ad altre province toscane). Da quando ci siamo imbarcati in questa avventura, abbiamo scelto di darci da fare.

    Vogliamo sviluppare sempre di più la nostra vendita diretta. L‘interazione con le persone ci ripaga di tutto il lavoro: è una sorta di osmosi, che ci fa sentire vivi. Altrettanto importante è portare un prodotto fino in fondo. Da quando abbiamo iniziato a fare la pasta, abbiamo visto compiersi tutto il ciclo dei grani antichi, dal campo alla trasformazione e al confezionamento. Conferire i cereali è molto più facile, ma gestire l’intera filiera è una gratificazione immensa: quella pasta parla di noi dall’inizio alla fine.

    Nei nostri sogni vorremmo allestire un agricampeggio, magari con dei bungalow sotto gli ulivi. Vogliamo ospitare e incentivare il turismo lento, che ci piace e che può apprezzare un contesto come il nostro, autenticamente rurale e fuori dalle tratte principali. Siamo a 10 minuti da Montalcino, che è un magnete attrattivo enorme; ma questa zona della Val d’Orcia meno turistica e un po’ snobbata è incantevole.

    Scriveteci per ricevere i nostri prodotti o concordare una degustazione, vi aspettiamo!

    Scritto il: 21-12-2018
  • Foto
  • Video

    Spenta la mietitrebbia. ….

    Pubblicato da Azienda Biologica Le Vigne Montenero su Domenica 28 giugno 2015