Pesto con foglie di carote

pasta con pesto di foglie di carote

A volte capita di riuscire a trovare, presso qualche piccolo produttore illuminato, le carote ‘integrali’, cioè corredate del loro bel mazzo di foglie verdi.

Sarebbe un vero peccato buttarle, dato che non solo sono commestibili, ma anche saporite e piacevolmente aromatiche. Possono rappresentare un’idea furba per un sugo o uno sfizioso paté vegetale, da spalmare.

Nella ricetta che segue si fa tutto a crudo, come in ogni pesto che si rispetti. La premura sarà di usare le foglie il più possibile fresche e nelle loro parti più tenere, prive dei gambi duri, che sarebbero troppo fibrosi. Il lievito in scaglie è un ulteriore insaporitore naturale, ma si può anche non usare.

Zero spreco, astuzia e sapore in perfetta armonia. Non solo: compri 2, paghi 1 :-)

Cucina Vegetale 100%
Porzioni 4
Chef Giovanna Ligutti

Ingredienti

  • 60 g foglie di carote
  • 30 g pinoli o mandorle
  • 20 g lievito in scaglie facoltativo
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale
  • olio evo

Istruzioni

  • Pulite bene la parte verde delle carote, eliminando le parti più dure e conservando solo le foglie più tenere. Le foglie occupano volume, ma hanno poco peso, dunque con circa 60 g riuscite a ottenere una dose di pesto per 4 persone.
    Lavatele bene, levando ogni residuo di terra.
  • In un frullatore potente riducete a farina i pinoli, aggiungete poi l'aglio, il sale e se volete il lievito in scaglie, per ultime le foglie. Azionate il frullatore e aggiungete l’olio a filo, fino a ottenere una crema della consistenza del pesto.
  • Utilizzate il pesto per condire la pasta o altri cereali in chicco oppure spalmatelo sul pane bruschettato!
Stampa ricetta
carote con foglie
Carote fresche di Domenico Errani, La Valle delle Albicocche, Bagnacavallo (RA).

Curiosità

Le carote, ortaggio meraviglioso che nelle sue versioni più riuscite (o per meglio dire standard) si presenta in forma lunga e cilindrica con punta conica, sono propriamente radici commestibili, a forma cosiddetta di ‘fittone’.

Fittone è un termine piuttosto autoesplicativo, in ogni caso significa che la radice è un corpo unico che si conficca nel terreno, a differenza delle radici fascicolari, che invece hanno una struttura ramificata.

Altra curiosità linguistica: deriva da carota anche il termine ‘carotaggio’. Anche questo è abbastanza chiaro, in ogni caso significa proprio estrarre una porzione (di terreno o di materiale edìle) a forma di carota.

Se guardate la forma delle foglie, vi sarà facile ricondurle alla famiglia delle ombrellifere, a cui appartengono anche finocchio, sedano e sedano-rapa, pastinaca,  prezzemolo, aneto, finocchietto, coriandolo ecc.

Le carote più reperibili sul mercato sono di colore arancione intenso, anche se per la verità esistono anche varianti bianche, viola, gialle, arancione sbiadito ecc.

Non è facilissimo coltivarle, richiedono infatti terreni sabbiosi e profondi, che consentano lo sviluppo libero e regolare della radice.

Qui accanto un esempio romagnolo completo, di questa primavera. A voi capita di trovare le carote con le foglie? Se avete un produttore di fiducia – cosa che vi auguro – potete sempre chiedergli di non tagliarle.

Giovanna Ligutti

di

Cuoca naturale, diplomata in cucina macrobiotica alla Sana Gola di Milano. Amo molto formarmi, ma anche sperimentare nella cucina di casa. In provincia di Piacenza organizzo corsi, cene ed eventi per diffondere un’alimentazione sana e stagionale, rispettosa degli animali e dell’ambiente. Su FB mi trovate come: Le delizie naturali di Gio.

Considero Valore

Antonella Gallino, fondatrice di Considero ValoreHo creato questa guida per aiutare le persone a mangiare meglio e per valorizzare i piccoli contadini seri che ci circondano: una miniera di invisibili. Credo nel km zero e nella spesa di relazione, a patto che rispetti l’ambiente. Mi adopero in giro per una spesa più sana e più umana. La cucina che amo? Quella condivisa, con ingredienti e persone sincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *