Crostini con paté di tarassaco

In Mangiare sano a proposito di , , ,
campo di tarassaco: primo piano

Se in questo periodo vi state cimentando nella ricerca di erbe spontanee – che vi consiglio di cogliere in campagna, lontano dalle strade, dai parchi giochi e dai campi coltivati, in modo da essere sicuri che non abbiano traccia di inquinanti o diserbanti –, scoprirete che il tarassaco è una delle più frequenti e riconoscibili. Fiorisce da febbraio a giugno.

Tarassaco è il nome signorile, quelli volgari sono:

  • dente di leone, in base alla forma delle foglie, lobato-dentate
  • soffione, per la forma a “pappo” dei semi, che il fiore a un certo punto, trasformandosi, produce (bravo chi riesce a spargerli tutti in un soffio solo, un po’ come con le candele), garantendo così la sua propria disseminazione, detta anemocòra, cioè affidata al vento. In pratica il seme ha delle ali pelose, che ne garantiscono il viaggio e la diffusione. Ah, la natura!
  • piscialletto, per le proprietà diuretiche e drenanti. Se volete essere più chic, usate il francese pissenlit.

È depurativo dei reni e del fegato e bendispone la digestione. Contiene inoltre calcio, potassio, vitamine C e A; ma anche fibra e inulina (come il topinambur), che in questa bassa dose sono anche blandi regolarizzatori intestinali. Se spezzate le foglie, uscirà un liquido biancastro.

Ha un gusto leggermente amarognolo, simile a quello delle cicorie (alla cui famiglia appartiene), ma più dolce. Si presta all’utilizzo cotto e crudo. Di seguito trovate la mia proposta per un facile pesto di foglie a crudo, ottimo sia per crostini che per condire la pasta o altri cereali. Scommetto che vi sorprenderà :)

Pesto di tarassaco per crostini o pasta

Premessa: T = tazza

Chef Giovanna Ligutti

Ingredienti

  • 1 T (240 ml) foglie di tarassaco giovane
  • 1/4 T (60 ml) anacardi o mandorle
  • 10 olive
  • 1 dattero
  • olio di oliva extravergine
  • sale
  • 1 cipollotto (parte verde)
  • 1/2 limone (succo e scorza)

Procedimento

  1. Tritate grossolanamente le foglie di tarassaco. 

    Grattuggiate la scorza di limone e spremetene il succo. 

    In un frullatore potente inserite gli anacardi e tritarli a farina. Aggiungete il resto degli ingredienti e infine olio a filo, poi frullate fino a ottenere un paté della consistenza del pesto. 

Potete utilizzare questo pesto su crostini di pane o polenta oppure per condire la pasta o i cereali in chicco.

Se invece volete provare una ricetta facile con il tarassaco cotto, ho preparato per voi il Tarassaco in padella con uvetta e pinoli, ottimo contorno o condimento per un piatto di cereali integrali.

Foto di copertina: Michele Zanetti, San Donà di Piave VE. Foto centrale: www.animateur-nature.com. La foto del paté è stata fatta a un mio corso, mettendo in pratica questa ricetta :-)

Giovanna Ligutti

di

Cuoca naturale, diplomata in cucina macrobiotica alla Sana Gola di Milano. Amo molto formarmi, ma anche sperimentare nella cucina di casa. In provincia di Piacenza organizzo corsi, cene ed eventi per diffondere un’alimentazione sana e stagionale, rispettosa degli animali e dell’ambiente. Su FB: Le delizie naturali di Gio.

Considero Valore

Antonella Gallino, fondatrice di Considero ValoreHo creato questo blog per aiutare le persone a mangiare meglio e per valorizzare i piccoli contadini seri che ci circondano: una miniera di invisibili. Credo nella filiera corta, a patto che rispetti l’ambiente, e mi adopero ovunque per una spesa più sana e più umana. La cucina che amo? Quella condivisa, con ingredienti e persone sincere.

Un commento su Crostini con paté di tarassaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *